La Storia

La Motostaffetta Friulana nasce nel 2000 ma considerato il numero di appassionati si è ufficialmente costituita nel 2007 come organizzazione di volontariato. L’attività si incentra nel settore delle scorte a manifestazioni sportive, prevalentemente in ambito ciclistico nel triveneto con l’eccezione della Maratonina di Udine il cui comitato nel 2007 ha organizzato il campionato mondiale di corsa su strada di mezza maratona avvalendosi della collaborazione della Motostaffetta Friulana.

Fiore all’occhiello della Motostaffetta Friulana è la scorta e staffetta dei “cicloni”. I “cicloni” sono le persone diversamente abili che seduti su carrozzine appositamente modificate effettuano lunghe corse su strada con la sola forza delle braccia. Questa attività rappresenta per i partecipanti un modo d’integrarsi nel mondo sportivo dove raggiungono velocità prossime alle corse ciclistiche. Le carrozzine e gli atleti non sono più alti di 1 metro da terra e rappresentano un ostacolo difficilmente visibile all’utente della strada, per questo motivo la scorta dei membri della Motostaffetta Friulana è particolarmente importante e significativa per aiutare ad integrarsi nel mondo dello sport le persone meno fortunate. Il 6 giugno si è svolta a Rive d’Arcano la tappa del Giro d’Italia di handbike.

Quasi tutti i componenti sono abilitati al servizio di scorta tecnica; è una nuova figura prevista dal Codice della strada che supplisce al compito della Polizia Stradale, garantendo il regolare e sicuro svolgimento in ambito stradale; gli altri componenti effettuano il servizio di moto staffetta.

Oltre alla primaria attività, i nostri soci, si impegnano attivamente nel sociale ed in particolare modo nell’attività didattica, divulgativa ed informativa in materia di sicurezza stradale. Lo sforzo è quello di educare i ragazzi al rispetto delle norme del Codice della Strada e lezioni di guida sicura. Altri settori nei quali i soci della Motostaffetta Friulana risultano attivi sono il turismo motociclistico, la diffusione del motociclismo in genere, la salvaguardia dei diritti dei motociclisti, l’accrescimento delle conoscenze tecniche, culturali e sportive, promuovere la motocicletta come mezzo di trasporto e di svago, organizzare l’attività sportiva e del tempo libero dei motociclisti intesa come momento di aggregazione, valorizzare e salvaguardare la natura utilizzando la motocicletta nel pieno rispetto delle esigenze ambientali.

 

Nel marzo 2008 la Motostaffetta Friulana con il sostegno della Presidenza del Consiglio del Friuli Venezia Giulia  e del Comune di Rive d’Arcano ha organizzato il 1° Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia. Tutti rappresentati i 5 gruppi di motostaffette regionali (motostaffetta Dall’Agnese, Manfè, V&V, Udinese, oltre ai padroni di casa della Motostaffetta Friulana) che hanno riempito la sala consiliare in ogni ordine di posti. Presenti numerose autorità che non hanno voluto far mancare la loro presenza;

Nel 2009, oltre ad aver partecipato a numerose iniziative del settore delle motostaffette lungo tutta la penisola, ha organizzato il 2° Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia svoltosi nel Forte Col Roncone di Rive d’Arcano. L’iniziativa ha goduto del patrocinio della Regione Friuli-Venezia Giulia e del comune di Rive d’Arcano ed ha visto la presenza della Motostaffetta Dall’Agnese ed Udinese. Il tavolo della presidenza era, come si suole dire, de roi. Intervenuti oltre al sindaco di Rive d’Arcano Gabriele Contardo, il consigliere regionale Paolo Menis, l’assessore regionale Roberto Molinaro ed in rappresentanza della presidenza della giunta Elio De Anna.

Le autorità presenti si sono impegnate a sedersi attorno ad un tavolo ed affrontare le problematiche illustrate nel corso dell’evento.

L’attività 2009 della Motostaffetta Friulana, organizzazione di volontariato, si è incentrata oltre che nel tradizionale campo delle scorte alle manifestazioni sportive su strada anche nel campo del sostegno alle persone meno fortunate e nel turismo motociclistico. Infatti abbiamo scortato l’unica tappa del Giro d’Italia di handbyke disputatasi a Rodeano Basso in provincia di Udine ed al 3° campionato europeo INAS-FID Europa (disabili intellettivi) alla Maratonina di Udine. Nel mese di novembre una rappresentanza ha partecipato a Faenza alla Giornata della scorta incontro nazionale del settore, con largo consenso e visibilità, sempre nel mese di novembre è arrivato il contatto con la R.C.S. per la partecipazione nel 2010 a 2 tappe del Giro d’Italia professionisti.

Numerose iniziative mototuristiche e culturali hanno arricchito l’attività 2009, da segnalare:

  • Il  22 marzo 2009  un tour per gli amanti di reperti della guerra e armi visitando un museo privato in Slovenia;
  • Il 5 aprile visita al museo privato di Dreznica è una raccolta di reperti della prima guerra mondiale ritrovati dalla gente del luogo;
  • Il 13 giugno visita a Korenica e la visita all’aeroporto di Zeljava in Croazia;
  • Il 28 giugno Castello di Hochsterwitz in Austria;
  • Sempre nel mese di giugno il viaggio a Caponord di un nostro Socio;
  • Nel mese di ottobre è la volta della visita con ascesa al Castello della Città di Udine in collaborazione con il gruppo dei Gatti neri con un risultato positivo in termini di partecipazione e di comportamento durante tutta la giornata.

 

Nel 2010 l’importante invito da parte della R.C.S. – La Gazzetta dello Sport, grazie al patron Enzo Cainero, per il servizio di trasporto meccanici nelle 2 tappe più impegnative, la frazione con arrivo sul Monte Zoncolan e la successiva cronoscalata con arrivo a Plan de Corones.

L’impegno ha previsto un preciso programma di avvicinamento grazie ad un progetto supportato dall’assessore regionale al turismo Luca Ciriani, presentato il  21 marzo presso la sala consiliare del comune di Rive d’Arcano, denominato “Motostaffetta Friulana alle tappe del Giro d’Italia 2010 Zoncolan e Plan de Corones”.

L’esperienza del Giro d’Italia 2010 è stata di quelle ad alta tensione emotiva ed ha messo in luce l’abilità dei soci della Motostaffetta Friulana nel destreggiarsi nelle situazioni più difficili ricevendo il plauso per il loro operato dagli addetti ai lavori.

Un altro progetto denominato “Motostaffetta Friulana per la sicurezza in moto”, con l’appoggio dell’assessore della provincia di Udine Fabio Marchetti, che tratta temi di prevenzione in sella alle 2 ruote a motore.

Il 21 marzo 2010 è stato proposto il 3°Meeting delle Motostaffette del Friuli-Venezia Giulia, l’iniziativa ha goduto del patrocinio della Regione Friuli-Venezia Giulia, della Provincia di Udine e del comune di Rive d’Arcano, Ormai un appuntamento classico con la sala consiliare del Comune di Rive d’Arcano gremita in ogni ordine di posti. Accattivante l’approccio ai temi della sicurezza sulle 2 ruote con la proposta di un airbag ed un guardrail a misura di motociclista.

 

Nel giugno 2010 Alcuni aderenti la Motostaffetta Friulana hanno organizzato un corso propedeutico all’esame per il rilascio dell’attestato da scorta tecnica. All’iniziativa hanno partecipato circa 20 persone, i quali presso il compartimento della Polizia Stradale di Trieste hanno sostenuto con successo la prova teorica e pratica.

Dal 17 al 20 giugno 2010 i soci della Motostaffetta Friulana hanno allestito uno stand alla Bikerfest, il più importante motoraduno regionale, presentando le proposte sui temi della prevenzione agli incidenti stradali.

Nel mese di novembre 2010 un altro classico, la partecipazione alla 19° edizione della Giornata della Scorta, manifestazione che gode della Medaglia d’oro del Presidente della Repubblica Italiana oltre che del patrocinio del Ministero dell’Interno e delle Infrastrutture.

Nel mese di dicembre 2010 è giunta l’agognata iscrizione al registro regionale delle associazioni di volontariato.

Il 2011 si apre con l’accettazione da parte della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia nei propri organici.

Nel mese un’altra “chiamata” celebre, la partecipazione al Giro del Friuli Venezia Giulia riservato ai corridori ciclisti professionisti disputatosi il 3 marzo.

Il 27 marzo a Rive d’Arcano è stato riproposto il 4°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia con la concessione della medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed i patrocini della Regione Friuli-Venezia Giulia, della Provincia di Udine e del comune di Rive d’Arcano. A rappresentare la giunta l’assessore ai Trasporti Riccardo Riccardi a cui è stata donata la medaglia dalle mani del Prefetto Ivo Salemme. Testimonial dell’evento il campione del mondo di motociclismo classe 500 ed attuale commentatore televisivo Marco Lucchinelli. Nel corso della giornata sono state presentate le proposte della Motostaffetta Friulana inerenti la difesa passiva dei motociclisti.

Nel mese di aprile un’altra importante partecipazione alla Coppa delle Nazioni riservato alle rappresentative nazionali Under 23 Terre di Toscana. Gara rilevante, in quanto ha rappresentato un importante test, in vista dei campionati mondiali di ciclismo in calendario nel 2013.

Nel mese di maggio i componenti la Motostaffetta Friulana ha rinnovato la collaborazione richiesta dai dirigenti R.C.S. – La Gazzetta dello Sport, alle tappe Lienz –  Monte Zoncolan e la cronoscalata Belluno –  Nevegal.

Nel mese di giugno, la società regionale Friuli Venezia Giulia Strade s.p.a. che progetta,  realizza,  gestisce e  vigila le opere di viabilità, ha chiesto la collaborazione tecnica, ai membri la Motostaffetta Friulana nell’organizzazione di un convegno svoltosi a Cividale del Friuli dal titolo “Motociclisti: ultime frontiere della sicurezza” incentrato sulla sicurezza dei centauri.

Sempre nel mese di giugno a supporto della Bikerfest è stato organizzato un “motogiro” lungo le strade del Giro d’Italia con il passaggio sul Monte Zoncolan.

Nel mese di settembre, i soci la Motostaffetta Friulana, hanno prestato il loro servizio agli European Masters Games, una delle manifestazioni sportive con maggiore partecipazione di atleti provenienti da ogni parte d’Europa ma anche dagli altri quattro continenti, giochi riservati agli atleti over 30 svoltisi a Lignano Sabbiadoro.

Nel 2012 i soci la Motostaffetta Friulana hanno portato a termine l’organizzazione del 5°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia-Giulia svoltosi nel mese di maggio. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto rinnovare il sostegno al 5°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia donando la propria medaglia di rappresentanza. Due prestigiosi patrocini sono giunti a suggellare i crediti di cui ha goduto l’evento: quello del Ministero dell’Interno e di quello delle Infrastrutture e Trasporti oltre a quello della regione Friuli Venezia Giulia e del Comune di Rive d’Arcano; Il riconoscimento è stato consegnato dal Prefetto di Udine Ivo Salemme e dall’Assessore Regionale Riccardo Riccardi (precedente vincitore) al Professor Paolo Pascolo dell’Università di Udine per lo studio dell’impatto di un motociclista contro i guardrail.

Durante la stagione 2012 si è concretizzato l’impegno dei soci la Motostaffetta Friulana inerenti temi dedicati alla sicurezza stradale ed alla tutela dei motociclisti. E’ stato pubblicato un saggio dal titolo “Ho fretta!… preferisci perdere un minuto della vita… o la vita in un minuto?” con un contributo dei soci la Motostaffetta Friulana; inoltre sono numerose le manifestazioni in cui viene chiesto ai soci la Motostaffetta Friulana di relazionare sui prodotti innovativi a tutela dei motociclisti (airbag, caschi, guardrail etc.).

A corollario dell’impegno profuso dai soci la Motostaffetta Friulana è giunto l’invito, da parte della Provincia di Udine, a partecipare, a fianco di illustri istituzioni, al tavolo tecnico sui guardrail.

Nel mese di marzo 2013 è stato organizzato il 6°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia-Giulia, a cui sono stati concessi per il terzo anno consecutivo autorevoli riconoscimenti in primis la medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e rilevanti patrocini da parte del Ministero dell’Interno, del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (con concessione dell’utilizzo del logo), della Regione Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Udine e del Comune di Rive d’Arcano.

L’attività divulgativa svolta dai soci, inerente i temi della sicurezza passiva in sella alle 2 ruote a motore e non, è riuscita a coinvolgere in molteplici occasioni, giovani studenti neopatentati. Da segnalare l’iniziativa denominata corso gratuito di guida sicura del progetto di educazione stradale e guida sicura realizzato da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e comune di Pasian di Prato (Ud).

Nel 2014 è stato riproposto il 7°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia. Altissimo il livello dei patrocini ottenuti dal 7°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia: Comune di Rive d’Arcano, Provincia di Udine, Regione Friuli Venezia Giulia e due patrocini ministeriali; oltre al Ministero delle Infrastrutture si è sommato quello del Ministero dell’Interno. Novità di questa edizione un messaggio da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri dedicato alla Motostaffetta Friulana. Il 7°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia che si fregia da sei edizioni della Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Il tema è particolarmente sentito da parte dei componenti la Motostaffetta Friulana da sempre in prima linea sulla sicurezza legata alle 2 ruote siano esse a motore od a pedali.

In particolare sono state presentate alcune proposte inerenti la protezione passiva dei motociclisti (guardrail a misura di motociclista, caschi, Dpi ed air bag).

 

Iniziativa analoga è stata proposta in occasione della 28° Bikerfest International del patron Moreno Persello, venerdì 16 maggio a Lignano Sabbiadoro (Ud) presso la Terrazza a mare, coinvolgendo circa 100 studenti delle classi quarte e quinte dell’ISIS di Latisana. Tra i relatori il dottor. Marco Guidarini presidente dell’Associazione Motociclisti Incolumi, il quale ha presentato il libro “Una guida per Chi guida” offrendo una panoramica attorno alla sicurezza sulle nostre strade.      

Sono state coinvolte alcune scolaresche onde permettere di veicolare tali proposte ad un target molto sensibile a tali tematiche.

Il mese di maggio è stato da grandi numeri ed a tinte rosa; un motociclista della Motostaffetta Friulana è stato al seguito della carovana rosa del Giro d’Italia di ciclismo riservato ai corridori professionisti. Infatti una prestigiosa casa di produzione cinematografica ha scelto il sodalizio friulano per il trasporto della troupe.

Un altro tassello della regione si inserisce all’interno della corsa rosa. Inoltre, grazie ai buoni uffici del patron Enzo Cainero, ben 17 motociclisti sempre della Motostaffetta Friulana sono stai incaricati da RCS – La Gazzetta dello Sport per il trasporto del personale tecnico lungo l’ascesa al Monte Zoncolan. I motociclisti della Motostaffetta Friulana avevano già prestato i loro servizi nel 2010 e nel 2011 sempre sulla montagna carnica.

Il sodalizio attivo nel settore delle scorte a manifestazioni sportive, prevalentemente in ambito ciclistico ha avviato una collaborazione con l’ACSI ciclismo di Udine guidata da Franco Bon.

Infatti, grazie all’intensa attività dei dirigenti ACSI, sui temi legati alla sicurezza in campo ciclistico la scelta per il settore scorte tecniche e motostaffette è caduta sulla Motostaffetta Friulana. Degne di menzione le manifestazioni organizzate dall’’Amici e bici a Zuglio, la Granfondo Corsa per Haiti in edizione rinnovata, la Ciclostorica, Unesco Marathon, Maratonina Città di Udine, Telethon 2014 e molte altre.

La Motostaffetta Friulana, grazie all’iscrizione nel settore logistico della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia diretta da Guglielmo Berlasso, continua nell’ammodernamento tecnologico, dotandosi di attrezzature di sicurezza di ultima generazione (airbag, caschi ad alta visibilità e sistemi radiocomunicazione), che permettono di svolgere l’attività professionalmente, ponendo il gruppo ai vertici nazionali del settore.

Annotano la cifra 0 nella casella degli incidenti stradali occorsi ai soci la Motostaffetta Friulana oltre ad un consenso unanime riguardo l’operato degli stessi, da parte degli organizzatori.

MF_S_18

Nel 2015 è stato riproposto l’8°Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia che nel frattempo ha ottenuto un nuovo importante patrocinio, quello della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il tema è particolarmente sentito da parte dei componenti la Motostaffetta Friulana da sempre in prima linea sulla sicurezza legata alle 2 ruote siano esse a motore od a pedali.

Nella stagione 2015 il gruppo ha fornito il proprio supporto alle manifestazioni in occasione del centenario della I Guerra Mondiale nella staffetta del centenario, i partecipanti hanno sfilato al passo della fanfara della brigata alpina Julia per raggiungere piazza Libertà dove si è svolta la cerimonia solenne con l’arrivo delle tre fiaccole  partite da Timau, Colle San Giusto e Aquileia, scortate dalla Motostaffetta Friulana affiliata alla Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, che si sono congiunte davanti al tempietto dei caduti.

MF_S_19

Punta di diamante dei soci la Motostaffetta, Friulana è stata dell’organizzazione dell’8° Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia svoltosi all’Isis D’Aronco di Gemona.

All’iniziativa dedicata ai temi della sicurezza stradale, hanno partecipato quasi 400 studenti dell’Isis D’Aronco e Magrini/Marchetti coordinati dal professor Bertoni, referente della Consulta studentesca di Udine. Ai saluti delle autorità presenti tra le quali il Prefetto di Udine, il consigliere regionale Riccardo Riccardi, il vicepresidente della Provincia di Udine, Franco Mattiussi.

La cerimonia ha raggiunto il culmine con la consegna della Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, donata all’evento per il quinto anno consecutivo. A calamitare l’uditorio – in sala ha regnato il silenzio assoluto – è stato l’intervento del dottor Giulio Trillò del Servizio di Elisoccorso Regionale che ha saputo far vivere dal di dentro con immagini riprese direttamente dai soccorritori, il lavoro dell’equipe sanitaria durante le operazioni di soccorso in elicottero.  

A dimostrazione del livello raggiunto dai soci la Motostaffetta Friulana, è giunta la chiamata da parte di un organizzatore londinese, per l’assistenza in occasione di un meeting di ciclisti provenienti da Australia, Canada, Olanda e Inghilterra sulle Dolomiti italiane.  Guidati da ciclisti professionisti, tra cui l’ex campione del mondo Cadel Evans si è trattato di un evento organizzativo a livello professionistico con l’assistenza di ammiraglie, massaggiatori, direttori sportivi, radioline, cineoperatori insomma una mini tappa del Giro.

La stagione 2016 si è tinta di rosa con la scorta alla Granfondo Giro d’Italia manifestazione organizzata da RCS – La Gazzetta dello Sport, l’assistenza prestata alle tante manifestazioni sportive che si disputano su strada; fiore all’occhiello è stata la partecipazione alla staffetta ciclistica in occasione del centenario della morte di Enrico Toti che si è conclusa al Sacrario militare di Redipuglia (GO). Mfvg_caschi

 Nel 2017 è stato riproposto il 9° Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia che per la sesta volta consecutiva è stato insignito della Medaglia del Presidente della Repubblica; inoltre la manifestazione dedicata ai temi della sicurezza stradale ha ottenuto i patrocini del comune di Rive d’ Arcano, della Provincia di Udine e della Regione Friuli Venezia Giulia, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero degli Interni e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Degne di nota le partecipazioni alle corse giovanili, Carnia Classic Monte Fuji Zoncolan e Maratonina di Udine.

Mfvg_gruppo

Nel 2018 si è rinnovato il pieno successo per il 10° Meeting delle Motostaffette del Friuli Venezia Giulia, svoltosi all’Educandato Uccellis di Udine. L’iniziativa dedicata ai tempi legati alla sicurezza passiva dei motociclisti ha goduto dei patrocini del Consiglio dei Ministri, Ministero dell’Interno, Ministero delle Infrastrutture, Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia di Udine (uno degli ultimi atti emessi dal glorioso ente), Comune di Rive d’Arcano e Consulta provinciale degli studenti della Provincia di Udine.

La ciliegina sulla torta è stata la consegna per la settima volta della Medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla manifestazione e orgoglio dell’organizzazione di volontariato.

Un riconoscimento è stato consegnato in rappresentanza della Prefettura di Udine dalla dottoressa Cavalieri a Enzo Cainero con la motivazione di “aver reso più “rosa” la nostra regione.

Particolarmente toccante il momento in cui è stato ricordato Roberto Moimas il socio della Motostaffetta Friulana vittima di un incidente stradale lo scorso mese di gennaio, ai familiari sono state consegnate delle targhe ricordo.

MF_S_20_resize

 

La stagione 2018 passerà agli annali come la più rosa della recente storia del sodalizio.

Sulla scia dell’effetto Monte Zoncolan, le maggiori organizzazioni internazionali di ciclismo, hanno affidato ai motociclisti del gruppo, presieduto da Daniele Decorte, il trasporto del personale tecnico lungo l’erta dal versante di Ovaro.

Il 19 maggio, in occasione della 14^ tappa del Giro d’Italia, RCS – La Gazzetta dello Sport aveva chiesto il servizio di trasporto meccanici, lungo la salita più dura d’Europa a 30 i motociclisti della MOTOSTAFFETTA FRIULANA. Per la prima volta il servizio è stato svolto in esclusiva dal gruppo della nostra regione. Il risultato raggiunto è stato impeccabile e la soddisfazione per i membri la MOTOSTAFFETTA FRIULANA è stata enorme. Una moto è stata messa a disposizione della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia nell’ambito del sistema di sicurezza in ottemperanza alla Normativa Gabrielli. L’attenzione dei maggiori media mondiali erano puntati sulla tappa carnica e in caso di défaillance sarebbe stata una figuraccia! Fortunatamente, ma l’avvicinamento era stato preparato meticolosamente nei mesi scorsi dai motociclisti, tutto è andato per il meglio e la visibilità è stata amplificata, grazie alla vittoria della star della corsa rosa, il corridore britannico Chris Froome, che poi farà suo il Giro d’Italia 2018.

MF_S_22_resize

 

Superato l’impegno del Giro d’Italia professionisti, i soci la MOTOSTAFFETTA FRIULANA, sono stati contattati da Giuseppe Rivolta organizzatore del Giro Rosa (ndr la versione femminile del Giro d’Italia), per la tappa Tricesimo – Monte Zoncolan; il “mostro” è stato affrontato per la prima volta dalle ragazze. L’impegno per i componenti la MOTOSTAFFETTA FRIULANA è risultato ancora più impegnativo, se possibile, rispetto al Giro maschile; gli uomini impegnati sono risultati 34, oltre ai meccanici delle squadre, anche i commissari di gara, direttori dii corsa sono saliti a bordo delle motociclette con una guest star d’eccezione; Enzo Cainero, il responsabile delle tappe friulane del Giro d’Italia, ha voluto seguire la corsa a bordo di una motocicletta della MOTOSTAFFETTA FRIULANA e non si è fatto scoraggiare nemmeno dal diluvio che ha colpito la manifestazione nella zona cambio (ndr ammiraglie-motociclette).

MF_S_21_resize

 

In entrambe le manifestazioni, si è assistito allo spettacolare pit stop dei meccanici, scesi dalle ammiraglie e saliti a bordo delle motociclette dei soci la MOTOTAFFETTA FRIULANA con le bici in spalla. L’impegno è risultato probante: temperature del motore elevate, velocità massime inferiori a 10 km/h, equilibrio precario, spazi limitati hanno messo a dura prova i componenti del club friulano, i quali hanno saputo portare a termine l’impegno raccogliendo il consenso da parte degli organizzatori.

Finale di stagione, per la MOTOSTAFFETTA FRIULANA con Maratonina di Udine, Granfondo d’Europa e altre manifestazioni.